Home
chi siamo
amicizie nuove
 eventi
aggiungi docente
   
contatti

Apsclub
eventi . amicizie - incontri

Annunci
affinita,soci e socialita

Psicologo
consulti,psicoterapia

Club dei pittori
mostre on line,arte

Negozi
vetrina,sconti,elenco

Trovatutto
risorse,utility,indirizzi

Varie
news.attualita,varie

Lezioni private
elenco docenti

AVVISO
(solo annunci attinenti alle rubriche, moralmente e chiaramente seri e trasparenti)
Annunci cerca-trova soci
(lavoro-professione-arte-cultura-ricerca)

single incontri Roma
 

la solitudine
la solitudine maligna
perchè si è soli
note sul bacio
statistiche famiglia e...

 

Ricerca soci per ....
attivita professionale
avvio impresa
artisco - culturale - scentifico
avvio associazione
condivisione di qualcosa
amicizia
anima gemella
interessi comuni

condivisione ideali


 

 

La solitudine

aggiungiti alla lista
cerca socio
proposte e critiche
chiedi modifica
chiedi rimozione

Note sulla solitudine

La solitudine è una condizione di mancanza e/o di malessere; la prima esperienza fondante della solitudine risale al periodo della primissima infanzia - quando la madre depone il bambino che teneva in braccio nella culla per andare magari a bere un bicchiere d’acqua, il bimbo perde l’abbraccio materno, ed ecco, qui viene sperimentata la prima perdita, la prima percezione della “solitudine”.
In questo elaborato proponiamo l’idea che l’uomo non nasca solo, egli nasce con la madre e, potenzialmente, con la sua famiglia; anzi, dapprima madre e figlio nascono legati l’uno all’altra, legati attraverso il cordone ombelicale prima, il capezzolo, l’abbraccio, la relazione affettiva poi. Questo primo legame madre-figlio funziona come una prima cellula destinata a crescere e ad evolvere fino a includere via via il padre, i fratelli, le sorelle, i nonni, per andare a creare il proprio tessuto sociale, la propria famiglia che, se non trova impedimenti, diventa il proprio ambìto “capolavoro”. Da grandi poi si sviluppa una tendenza a realizzare una vita di relazione e sociale a somiglianza, e in conseguenza, delle dinamiche del gruppo familiare in cui si è nati e cresciuti; senza troppi preamboli, riteniamo che gli strumenti per creare una vita familiare, sociale e affettiva adeguata possano essere disponibili soltanto se si proviene da una famiglia adeguata o, per dirla alla Winnicott, “sufficientemente buona”.
Ognuno di noi tende a voler vivere una vita sociale appagante e costruttiva, fatta di “fratelli e sorelle”, amici e colleghi.
Ma che cos’è  veramente la solitudine?
Immaginiamo un cinema con un’unica, grande sala, come quelli di una volta, e noi seduti in mezzo alla sala, con tutti gli altri posti vuoti. Dove sono gli altri? Non sono venuti? Sono andati tutti via? In ogni caso, noi ci troviamo esclusi dal “banchetto”, ci sentiamo derubati della nostra compagnia, “lasciati soli”. Questa è la solitudine.
Gli altri hanno gli amici, la fidanzata, la moglie, la famiglia; ma dove sono i nostri amici? Dov’è la nostra fidanzata? Chi ce li ha sottratti, derubati o nascosti? Questi pensieri, derivanti dalla sperimentazione di una condizione di esclusione, di una “coazione” della solitudine, sono da considerarsi come una sofferenza causata dalla sottrazione di ciò che ci apparterrebbe “per legge divina” poiché, come ognuno di noi ha diritto ad avere un naso, una bocca, degli occhi funzionanti, così ha diritto ad avere anche una mamma, degli amici o una fidanzata.
La solitudine non sempre è un fatto negativo, la sua totale mancanza può addirittura considerarsi un fatto insano. Suddividiamo allora la solitudine in due tipi: una solitudine che chiamiamo “maligna”, in cui l’uomo si sente abbandonato a un’esistenza senza punti di riferimento per la vita, “deprivato” di quegli strumenti indispensabili per la tessitura delle relazioni umane, e quella che chiameremo “benigna”, che costituisce l'humus per la nascita del pensiero creativo, per l'intuizione scientifica, per la capitalizzazione dell'esperienza umana; queste creative attitudini, quando siamo soli, riescono meglio ad emergere e a fruttificare, d'altronde possiamo ben vedere come i grandi artisti e scienziati dispongano sempre di una prima e di una seconda casa mentale: quella della solitudine. Infatti esiste la solitudine del poeta che attende “cova” l’ispirazione creativa (Morpurgo,1995)
Questa solitudine benigna dovrebbe avere spazio anche in una sana vita di coppia, poiché favorisce momenti di riflessione, di elaborazione personale del vissuto, da ricondurre poi, e magari condividere, all'interno della stessa coppia.
Quella dei single, secondo noi, è un tipo di solitudine che si può far risalire a insufficiente capacità d'attaccamento (Bowlby). I single, in preda al loro senso di inadeguatezza, per non incorrere in sofferenze aggiuntive, si ritirano dal teatro della competizione, si rifugiano nella sottomissione, nella loro tana che coincide con la condizione di single; il rifugio della solitudine è meno angosciante della sconfitta temuta nel campo della competizione. L’Associazione Per Socializzare (APS), che si interessa da molti anni di single, di solitudine, di socializzazione, si è vista impegnata per lo più a trattare con persone aventi un tipo di solitudine che si colloca ai margini della solitudine normale; spesso viene vissuta dai frequentatori dell’APS come una solitudine immeritata, come frutto d’ingiustizia. La cura per questi tipi di single può arrivare attraverso benefiche esperienze interpersonali "corpose": nuovi incontri, contatti e conoscenze di altre persone single, purché questi rapporti, attraverso la frequentazione e lo scambio emotivo, evolvano in relazioni non superficiali ma profonde.
© Vittorio Mendicino (2008)


Bibliografia:
E. ed E. Morpurgo, “La Solitudine”, Ed. Franco Angeli, 1995;
D. Winnicott, “La capacità di stare soli” (1957), in “Sviluppo affettivo e ambiente”, Ed.Armando, Roma, 1974;
Klein Melanie, “Sul Senso di Solitudine”, in “Il nostro mondo adulto ed altri saggi”, Martinelli, Firenze, 1972;
S. Freud, “Lutto e melanconia (1917), in “Opere”, Vol. VIII, ed. Boringhieri, Torino, 1976;
H. Kohut (1978), in “La ricerca del sé”, Boringhieri, 1982;
J. M. Quindoz (1991), in “Lo solitudine addomesticata”, Borla, Roma, 1992;
Francoise Dolto, "Solitudine felice", Mondadori editore, 1996;
Carl R. Rogers, "I gruppi di incontro", Casa editrice Astrolabio, 1976;
Paolo Crepet, "Solitudini - Memorie di assenze", Feltrinelli editore, 1997;
Anthony Storr, “Solitudine: il ritorno a se stessi”, Mondadori, Milano, 1989.

 

 

aggiungi annuncio
annunci per soci
proposte e critiche
chiedi modifica
chiedi rimozione

Guidautile.it propone i suoi servizi di annunci gratuiti esclusivamente a uomini e donne ,persone maggiorenni , moralente integre,per fini privati e non commerciali. L'utente  s'impegna ad usufruire dei servizi solo a fini privati, e non a fini professionali o commerciali. Le inserzioni hanno per oggetto esclusivamente la ricerca di nuove conoscenze serie per eventuale amicizia ,relazione sentimentale, condivisione interessi culturali,sociali e per tempo libero. Sono da considerare assolutamente escluse intenzioni ambigue o di tipo erotico.Ragazzi e ragazze single,uomini e donne libere possono trovare in questo servizio una risorsa in più per uscire dalla solitudine,dall'isolamento,dalla paura della depressione.
_________________________________________________________________________________
Consigli utili per coloro che incontrano direttamente e personalmente persone conosciute tramite annunci web:
Guida utile: trova tutto,negozi convenienti, professionisti,amicizia,incontri,soci,partner, anima gemella, affinità elettive, gruppi,feste,locali,party,svago,elenco docenti, pittori, lezione private,incontri, annunci, partiti, indirizzi, tel. mail,video. Elenco di luoghi, locali, spazi, salotti, party, punto incontro,eventi, uscite in gruppo , feste , liste, pierre,visite guidate, dancing, the conviviali. comitive e gruppi d'incontro che si tengono nella città di Roma e aggregati da Apsclub di Guidautile.svago,cultura,interessi comuni,reciproco aiuto.Con guidautile i negozianti avranno maggiore afflusso di clientela gli amici di guidautile sconti e convenienza .

Elenco di esercizi convenzionati guda utile,sconti,qualità garantita,professionalità.

banner

Aggreghiamo e collaboriamo con:
capi comitiva,ristoratori, discopub;
Pierre,cipi gruppo
organizzatori, gruppi di amici,
Teatri;sale Thea.
diventa organizzatore
convenziona il tuo locale.

 
 

Accedendo al sito guidautile.it e utilizzando i nostri servizi l'utente accetta i termini e le condizioni d'uso e si impegna ad informarsi su eventuali modifiche o aggiunte e ad utilizzare il sito in accordo ad esse.Gli annunci presenti sul sito guidautile.it sono pubblicati su iniziativa autonoma dell'Utente inserzionista, sotto la piena ed esclusiva responsabilità di quest'ultimo.Guidautile.it, non sarà, pertanto, in alcun modo responsabile della veridicità, della liceità, del rispetto del diritto di proprietà, della legalità e/o dell'eventuale contrarietà all'ordine pubblico od al buon costume, dei contenuti immessi on line dal proprio Utente.Guidautile.it offre un servizio di pubblicazione e consultazione di annunci gratuiti su Internet senza svolgere alcun ruolo di interposizione, mediazione ed intermediazione tra l'Utente navigatore l'Utente inserzionista e l'Utente che risponda agli annunci. Tuttavia nel tentativo di proteggere la buona reputazione del sito qualora si intravvedano annunci dal contenuto ambiguo,illeciti e comunque non in linea con l'identità del sito questi ultimi insindacabilmente verranno esclusi dalla apparizione su Guidautile.it  I nominativi, gli indirizzi, le mail, i telefoni riportati nelle pagine di questo sito, sono stati da voi stessi trasmessi o ricavati da libri, riviste,siti web di pubblico dominio in conformita` a quanto disposto dal D.Lgs. 196/2003.Qualora qualcuno desidera apportare rettifiche, aggiornamenti o cancellazione dalle nostre pag. web  per i  dati che la riguardano,verrà soddisfatto  inviando questa  e mail con scrittoinfo@guidautile.it rettifica, aggiorna o cancella

Pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 - avanti
 
copyright

Visitando e/o utilizzando guida utile.it si accettano implicitamente tutte le nostre condizioni e modalità di utilizzo  ed il suo logo e tutti i contenuti di questo
sito sono Copyright © 2008 E' vietato riprodurre e/o copiare in qualsiasi modo e su qualsiasi media i contenuti di questo sito senza autorizzazione scritta.
Tutti i diritti riservati Tutti i marchi citati sono registrati ed appartengono ai legittimi proprietari . Alcune immagini sono
©